/ Lamapop

Le 4 popstar più potenti della nuova generazione

La musica è una parte importante di tutti noi: tanti diversi generi, scuole di pensiero, modi di esprimerla..

Ognuno ha il suo genere favorito, quello che lo fa distrarre, girare i film nella propria mente mentre cammina in centro con le cuffie, strepitare sotto la doccia... ma non stiamo qui a smacchiare i giaguari, il pop ha un grande o piccolo posto nel cuore di tutti noi. Eh già, inutile mentire; anche se diprezzate le "commercialate", prediligete testi profondi e messaggi di impatto sociale, vi ritrovate a canticchiare le melodie catchy propinate alla radio in un qualsiasi inaspettato momento della giornata.
A questo proposito, ecco le donne della pop culture più di spicco degli ultimi anni.

1. Beyoncé


1024px-Beyonce-2008 Photo by Noemi Nuñez / Wikicommons

Innegabile talento internazionale, Beyoncé si trova oggi ad essere definita la più potente e influential personalità della scena musicale. Fin dai primi anni di vita il suo lavoro nel canto e nella danza sono stati intinterrotti; è conosciuta infatti come una delle più instancabili lavoratrici nel suo campo.

Segue passo passo la realizzazione dei suoi album, video e spettacoli, vuole l'ultima parola su ogni coreografia e scelta delle luci sul palco, tanto da passare intere giornate senza mangiare o fermarsi per concentrarsi al massimo. Dopo il suo debutto nel gruppo Destiny's Child, di enorme successo, ha proseguito nel 2000 come solista, e chi pensava che non ce l'avrebbe fatta ha preso una grande cantonata.

Beyoncé infatti si è rivelata una forza della natura: 62 nomination ai Grammys, 22 trionfi, grandi successi sia nel campo musicale che cinematografico.
Ma cosa la rende così speciale ed idolatrata nella cultura odiena? Prima di tutto le sue incredibili doti canore e di ballo, che rendono entusiasmante guardarla. La passione che mette in ciò che fa, trasparente in ogni suo lavoro. I video iconici, come Run the world, Single Ladies, Crazy in Love, If I were a boy, imitati da milioni di persone su Youtube.

La sua generosità nella beneficienza e attivismo in campo elettorale, nel movimento del femminismo, pari diritti per la comunità LGBTQ+, sull'argomento della brutalità della polizia negli Stati Uniti e del razzismo. Il suo volere essere l'unico capo di sè stessa, una donna indipendente e forte senza dimenticare la sua famiglia. Insomma, tutto si può dire tranne che non si meriti di essere dov'è al momento.

2. Taylor Swift


Swift-Taylor-2007- Photo by minds-eye / Wikicommons

Una pioggia di critiche in arrivo, ma non si può tralasciare una tra le più famose e pagate popstar del mondo.
Taylor Swift è una figura inspiegabilmente controversa al giorno d'oggi, ma questo non le toglie la posizione di enorme successo in cui si trova.

Taylor ha iniziato sin da bambina a manifestare interesse per la scrittura, componendo racconti e poesie; non a caso deve il suo successo maggiormente all'onestà dei suoi testi, allo stesso tempo interessanti ma di facile comprensione.
Per chi non lo sapesse, il suo debutto musicale è avvenuto come genere country nel 2006. Da allora, ha pubblicato 6 album, transizionando lentamente dal country al pop, con risultati sempre più elettrizzanti.

Non solo ha dalla sua numerosissimi record (maggiori visualizzazioni di un video, maggiori vendite digitali, settimane spese al primo posto nelle classifiche di Billboard), 10 Grammy portati a casa, 2 milioni di dischi venduti in una settimana al debutto di "Reputation" poco tempo fa. Non solo, ha un award a suo nome, è stata definita una delle migliori compositrici della nuova generazione, scrive la maggior parte dei suoi lavori da sola, suona 4 strumenti e produce i suoi album.

Al centro di critiche spesso singolari, è un personaggio molto contestato in quanto non si è espressamente pronunciata sulle ultime elezioni in America e in seguito ai suoi rapporti travagliati con la famiglia Kardashian-West e Katy Perry.

Nonostante ciò, Forbes l'ha incoronata ne 2016 come la celebrità più pagata al mondo, attribuendole un valore di circa 80 milioni di dollari. Haters gonna hate, hate, hate, hate...

3. Rihanna


1024px-Rihanna-DSC_3291-3.24.2013-8588357451- Photo by Joe Bielawa / Wikicommons

Icona di stile e di trasgressione, Rihanna ha fatto un percorso a dir poco strabiliante dall'inizio della sua carriera ad oggi.

Dal 2005 tante cose sono cambiate, dalla sua immagine al suo stile musicale; basta tenere traccia dei suoi video... dalla ragazzina con i pantaloni alle caviglie di Pon de Replay, all'iconico video ipnotico argentato di Umbrella, alla ribelle Man Down, la controversa S&M, fino al tormentone Work.

Rihanna è passata dal pop, a influenze elettroniche, all'RnB, a vibrazioni soul; e incredibilmente, ha vestito in modo personale e perfetto ogni singolo di questi stili, legandosi anche a movimenti di danza come il twerking.

A proposito di vestire, innegabilmente Rihanna ha fantastiche doti anche nel mondo della moda: considerata un'icona di stile e un'ispirazione, ha sfornato diversi grandiosi momenti di red carpet, photoshoots e look memorabili sulle riviste di tutto il mondo. Quello che colpisce è, oltre alla sconfinata bellezza, il suo abbracciare le sue origini ed esaltarle, invece che piegarsi al processo di "sbiancamento" dello star system: da ricordare, le sue cover per Vogue Brasil, Lui, W e V Magazine.

Infine, ma non meno importante, Rihanna ha lanciato la sua linea di make up, Fenty Beauty, passata alla storia in quanto la prima linea ad avere un larghissimo range di colori di fondotinta, specialmente tonalità molto scure per le persone di colore, spesso "dimenticate" dai più famosi brand. Un ultimo grande applauso le viene riservato per essersi fatta fotografare mostrando le sue naturali rotondità con orgoglio e aver boicottato Instagram per averle censurato una di queste immagini.

4. Lady Gaga


1200px-Lady_Gaga_Speechless_VEVO Photo by Kelly Samardak / Wikipedia

Quando si parla di potenza, non si può tralasciare il vero e proprio mito degli ultimi 10 anni: l'unica e irripetibile Stefani Germanotta, signora della scena musicale degli ultimi anni.

Quando si introduce un personaggio di questo calibro, sembra di non avere abbastanza parole per descrivere appieno tutto ciò che si dovrebbe. Rivitalizzatrice della teatralità, rilanciatrice del concetto di moda e della musica pop, simbolo della comunità LGBTQ+ e politicamente irriverente.

Il fenomeno Gaga scoppiò ufficialmente nel 2008, quando il suo primo singolo, Just Dance, iniziò a popolare le radio di tutto il mondo. I suoi primi album incarnano la vera e propria celebrazione e rilancio della pop culture, con outfit esagerati e accattivanti, melodie a cui non si può sfuggire, ed immagini forti: storici rimangono i video di Poker Face, Bad Romance, Telephone, Alejandro, Born this Way e le relative esplosive esibizioni (never forget i 2009 e 2011 Video Music Awards e la performance al Superbowl di quest'anno).

Gaga ha avuto da subito tutte le carte in regola per sfondare: una voce potente, enorme creatività, impegno costante.
Il suo successo non si è inoltre limitato alla musica: ha fondato la propria casa di produzione, Haus of Gaga, che si occupa della creazione dei suoi spettacoli e scenografie, ha ricevuto un Golden Globe per la sua recitazione nella serie televisiva American Horror Story, ed è stata premiata dal Council of Fashion Designers of America.

A coronare tutto ciò, il suo costante e inarrestabile attivismo.

La star ha infatti creato la Born This Way Foundation, per aiutare i giovani vittime di bullismo, è volontaria nei centri di accoglienza per adolescenti senza tetto, si è aperta molto sull'argomento della salute mentale, ha supportato personalmente ed economicamente la causa della violenza sulle donne e la relativa marcia, supportando apertamente la cantante Kesha (che era nel bel mezzo di una battaglia legale con il suo produttore accusato di stupro), e ha marciato nelle strade nei diversi cortei anti Trump. Si può non amarla?

Valeria de Croc

Valeria de Croc

Sono cinica e amo il trash. Adoro i nonni a passeggio con il gelato e i cani anziani e dispotici. In cerca di una gioia.

Leggi Altri