/ Lamalista

7 cartoni giapponesi che hanno segnato la nostra infanzia - Parte III

Queste ragazze non si facevano mettere i piedi in testa da nessuno! Nemmeno dai protagonisti - quando non lo erano direttamente loro!

Sette cartoni con personaggi femminili, protagoniste e non, che spaccavano lo schermo e in alcuni casi continuano a farlo ancora oggi!

1. Magica magica Emi


emi Photo by Unknown / Le canzoni dei cartoni animati

Arrivata su Italia 1 per la prima volta nel 1986 e replicata diverse volte fino a pochi anni fa,l'ultima volta nel 2011, questa serie segue la spumeggiante Mai nel perseguimento del suo sogno: diventare una famosa prestigiatrice!

Mai ha solo 10 anni, ma grazie al dono della magia riesce quasi subito a fare faville. La ricorderete sicuramente molto di più come il suo alter ego sedicenne, Emi (nella foto) che vivrà mille e più avventure tra la vera magia e l'illusionismo, fino ad un finale inaspettatamente malinconico. Essì, perchè la piccola Mai, nonostante gli innumerevoli successi, si dimostrerà molto matura, fino a prendere la decisione di rinunciare al dono della magia (e quindi anche al suo alter ego) e di tentare un'altra volta, ma solo grazie alle sue capacità.

2. Ranma ½


ranma Photo by VIZ Media / Geek&Sundry

Non proprio una protagonista femminile ma quasi, Ranma Saotome arriva in Italia nel 1996. Dapprima sulle TV locali e in seguito su MTV, Ranma ½ è una storia alquanto originale.

Il protagonista, Ranma appunto, dopo esser caduto con suo padre in una sorgente maledetta, si ritroverà con la curiosa capacità di trasformarsi in una ragazza quando entra a contatto con l'acqua fredda. Una condizione, questa, che scaturisce sicuramente molti malintesi ed è la colonna portante dell'intero cartone.

Tra i personaggi strampalati troviamo tantissime e tostissime donne, prime tra tutte le tre sorelle Kasume, Nabiki e la futura moglie di Ranma: Akane. A differenza del manga, il segreto di Ranma rimarrà tale fin quasi la fine del cartone, ma piuttosto che un difetto la cosa favorirà molti dei malintesi della serie, tra cui l'innamoramento del rivale d'amore di Ramna, Tatewaki, per la controparte femminile dello stesso Ranma.

I miei personaggi preferiti erano sicuramente l'adorabile Pi-chan (e Ryoga insieme a lui) e la frizzantissima Shampoo, diventata un simbolo della serie.

3. Nadia - Il mistero della pietra azzurra


nadia Photo by Unknown / LaunchBox

Con un'ambiziosa storia liberamente ispirata a Ventimila Leghe Sotto i Mari di Jules Verne e dai toni steampunk, Il mistero della pietra azzurra arriva nel 1991 su Italia 1 e porta con sé uno dei personaggi femminili più amati nella storia dei cartoni giapponesi, la meravigliosa Nadia.

Il mistero della pietra azzurra è una di quelle storie che tocca il nostro desiderio di scoprire se le vecchie leggende che conosciamo siano in realtà vere, ed è proprio questo il fascino della trama. Il suo successo è sicuramente dovuto anche a Nadia e ad un serie di personaggi strampalati (ma intriganti) che ci guideranno tra i moltissimi misteri della storia, primo fra tutti la splendente pietra che Nadia stessa porta al collo.

I protagonisti di questa storia, Nadia e Jean, ne passeranno davvero di tutti i colori: tra un numero non indifferente di naufragi e segreti, si ritroveranno a scoprire una cospirazione malvagia che minaccia il mondo.

Non voglio aggiungere altro, perché se siete come me vi è venuta voglia di andarlo a riguardare e ricordare quei dettagli che non vi sono più così familiari... non vi rovinerò il finale!

4. Rossana


sana Photo by Miho Obana / Shueisha Inc.

Non mentirò, da quando questa serie è arrivata su Italia 1 nel 2000, Rossana è diventata immediatamente il mio personaggio femminile preferito in assoluto. Ancora oggi è innegabile l'affetto che provo per questo cartone, e sono sicura di non essere l'unica.

Come non amarla? L'intera storia gira appunto intorno alla vivacissima Rossana, una giovane star della TV, e alle sue vicende scolastiche e private. Non esisteva ragazzina che guardando questa serie non volesse essere al posto suo. Questa serie aveva tutto: una protagonista imbattibile, un ragazzaccio con un misterioso e travagliato contesto familiare, momenti di assoluta ilarità e altri di ineguagabile romanticismo e malinconia... potrei continuare per giorni! Era una vera e propria girandola di emozioni in ogni episodio.

C'è da dire che Sana non era l'unico personaggio vincente di questa serie: tantissimi dei momenti comici vedevano come protagonisti la strampalatissima mamma scrittrice Catherine con lo scoiattolo Maro - che inspiegabilmente viveva nei suoi capelli - , e il manager Robbie, per cui io avevo una gigantesca cotta.

Sarebbe davvero magnifico poter condividere questa storia con le nuove generazioni, chissà se mai ritornerà sulle nostre TV.

5. Il dr. Slump e Arale


arale Photo by Akira Toriyama / Toei Animation

Qualcuno lo ricorderà come What a Mess Slump e Arale, ma la prima edizione italiana di questo cartone era invece intitolata Il dr. Slump e Arale e andò in onda a partire dal 1983 su Rete 4. Il suo primo arrivo sulle TV italiane vide la serie trasmessa solo parzialmente e sottoposta a moltissime modifiche. Quando ritornò nel 2001 su Italia 1, con un titolo più pop, fu trasmessa nella sua interezza e con una traduzione più fedele all'originale - seppur con ancora alcune censure, come era abitudine fare con molti cartoni giapponesi.

La storia vede protagonisti un inventore un po' fuori di testa, dr. Slump e la sua creazione, Arale. Arale è un robot dalle sembianze di ragazzina e dalla forza sovrumana; insieme al suo creatore vivrà tantissime avventure, tra il divertente e il ridicolo, tra cui un viaggio nel tempo da cui torneranno con un nuovo amico.

Questa serie era in tutto e per tutto un cartone umoristico, ma Arale e il suo aspetto sono diventati iconici e sono entrati nella storia dei cartoni.

6. I Cavalieri dello Zodiaco


zodiaco Photo by Unknown / Tokopedia

I cavalieri dall'armatura cromata arrivano in Italia nel 1990 e con le loro trame mitologiche furono gli unici rivali del tempo di Dragon Ball. Come è successo anche per Dragon Ball, la saga dei Cavalieri ha visto diversi ritorni di fiamma, sintomo dell'enorme successo che riuscì ad assicurarsi. Già a partire dal 2002 furono ideati tantissimi nuovi capitoli, tra film e nuove serie; nel 2014, prodotto con tecnologia CGI e ambientato ai giorni nostri, un nuovo film e nel 2015 una nuova serie animata. Ma non finisce qui: per il 2019 è prevista una nuova serie animata completamente in CGI e targata Netflix.

Ma allora, perché includere un cartone con così tanti personaggi maschili in una lista di personaggi femminili importanti? La risposta è che l'intera saga dei Cavalieri ha sempre avuto come centro focale la figura di Atena, una preziosissima dea da proteggere ad ogni costo.

Non possiamo dire se Netflix sarà all'altezza dei Cavalieri - visto anche lo scarso successo del recente Death Note - ma sicuramente non mancherà la magnifica Atena in azione, accompagnata dai suoi fedeli protettori.

7. Sailor Moon


sailor-moon Photo by Naoko Takeuchi / Toei Animation

Non c'è bisogno di dire molto sulle eroine di questa serie, trasmessa per la prima volta su Canale 5 nel 1995. Sailor Moon è forse la serie animata con protagoniste femminili più famosa della storia.

Questo cartone non è solo una colonna portante nel suo genere - quello delle Magical Girls - ma è stato anche un'influenza eccezionale nella vita di tantissime ragazzine. La vita dell'adolescente Usagi, la protagonista della serie, viene stravolta all'improvviso da un'adorabile gattina nera parlante di nome Luna. Luna regalerà ad Usagi una spilla che le donerà il potere di trasformarsi nella magica paladina della giustizia Sailor Moon. Insieme ad un nuovo gruppo sempre crescente di combattenti, le Sailor Scout - ognuna con il nome di un pianeta -, Usagi si profiggerà di ritrovare la Principessa della Luna e si addentrerà in una serie di battaglie e misteri.

Come molti sapranno, nel 2016 Sailor Moon è tornata sulle nostre reti grazie ad un remake per il ventesimo anniversario sotto il titolo di Sailor Moon Crystal e per la prima volta la nuova serie è stata trasmessa priva di censure dall'emittente Rai Gulp.


Queste sono solo alcune delle eroine, protagoniste e non, che hanno segnato più di una generazione di bambine e in alcuni casi continuano a farlo.
Abbiamo tralasciato la vostra preferita? Lasciate un commento per farcelo sapere!

Immagine di copertina by Toei Animation / Nerdist