/ Lamarcord

7 cartoni giapponesi che hanno segnato la nostra infanzia - Parte II

In questa seconda installazione, ci occupiamo di alcuni classici immortali che anche oggi vengono considerati delle pietre portanti dei cartoni giapponesi trasmessi in Italia. Addentriamoci subito nella lista!

1. Dragon Ball


dragonball-1 Photo by Unknown / Moeda Galática

Una serie che ha segnato per sempre il genere Shōnen (prevalentemente di azione) in Giappone, è stata trasmessa per la prima volta in Italia a partire dal 1989. Dragon Ball segue le vicende di Goku che, insieme alla brillante Bulma, si imbarca in un viaggio alla ricerca delle Sfere del Drago, sfere di vetro che se riunite possono evocare il Drago Shenron e garantire un singolo desiderio. Il viaggio diventerà un'enorme avventura, tra tornei di lotta, incontri interessanti e diverse stagioni dai vari titoli (Dragon Ball Z, Dragon Ball GT), e l'anime segnerà per sempre la storia dell'animazione mondiale. Ancora oggi si possono constatare gli effetti di questa storia sull'animazione moderna, per non parlare del ritorno dei personaggi in una nuova serie a partire dal 2015 intitolata Dragon Ball Super.

Per qualunque appassionato del genere, una visione sicuramente obbligatoria; non esiste persona al mondo che non ne abbia sentito almeno il titolo.

2. Georgie


georgie1 Photo by Unknown / My Anime Shelf

Dimostrazione che il fumetto Giapponese non si è mai tirato indietro dall'affrontare argomenti politici, Georgie parla appunto della figlia di una prigioniera scappata alla detenzione nell'Australia ancora colonia inglese e dei suoi sforzi alla ricerca delle proprie origini. La serie arriva in Italia nel 1982 e si apre con una neonata Georgie che viene accolta nella famiglia di un agricoltore dopo la tragica morte di sua madre e che crescerà ignara del suo passato fino alla tarda adolescenza.

La storia si concentra molto sulla vita sentimentale della protagonista, di cui si innamoreranno anche i suoi fratelli adottivi, ed è ricca di momenti drammatici scaturiti in particolare dal suo posto nella famiglia adottiva. Sicuramente un serie impegnativa, ma ciò non le ha impedito di rimanere nella memoria dei ragazzi cresciuti negli anni '80.

3. Lupin III


lupin Photo by Unknown / everyeye.it

Con un successo unico nel suo genere, Lupin sbarca sulle TV locali italiane nel 1979 con un inizio traballante. Allora, infatti, inondati da serie animate giapponesi, in Italia ancora non si riusciva ad intuire il successo che Lupin avrebbe avuto in futuro. Arriverà sulle reti nazionali solo nel 1981 con la seconda stagione e da allora il suo successo non vacillerà più. Anche in Giappone, Lupin III non ha mai smesso di vedere creati nuovi film che ancora oggi vengono trasmessi sulle nostre reti. In particolare, nel 2007, l'Italia dedica al quarantesimo anniversario di Lupin un'uscita esclusiva nei cinema per la prima volta del Castello di Cagliostro con un doppiaggio creato appositamente con i doppiatori originali.

L'elegante e scaltro ladro gentiluomo, insieme ai suoi fedelissimi Jigen e Goemon, ha lasciato un segno indelebile nell'infanzia di molti che sarà difficilmente cancellato dal tempo.

4. Candy Candy


candy Photo by Unknown / My Anime Shelf

La serie arriva in Italia precisamente nel 1980 e segue la vita di un'orfanella di nome Candy accompagnata dal suo procione Klin.

Candy e sua sorella Annie sono due orfane che vengono adottate da due famiglie aristocratiche. Mentre Annie sarà molto fortunata, Candy si ritroverà in una situazione alla Cenerentola: la sua nuova famiglia la costringerà, infatti, a fare da serva e a dormire nelle stalle. La sua storia continuerà tra eventi più o meno felici, talvolta anche drammatici, e ne seguiremo le sorti fino ad un lieto fine inaspettato in cui Candy si ricongiungerà al suo principe azzurro incontrato per la prima volta durante l'infanzia.

Come in altre storie simili a quella di Candy nel suo genere, le ragazzine non hanno vita facile nelle animazioni giapponesi, ma a volte è anche questo che le rende così amate.

5. Jeeg robot d'acciaio


jeeg Photo by Unknown / AnimeClick

Tra il fantascientifico e il fantasy Jeeg robot d'acciaio, arrivato in Italia nel 1979, è sicuramente una serie d'animazione particolare. Nonostante non sia nuovo nel suo genere - i manga e anime mecha hanno infatti una lunghissima storia in Giappone - Jeeg si contraddistingue per il suo uso del folklore giapponese per raccontare la sua storia. La serie ha continui e numerosi riferimenti alla storia del Giappone, a partire dagli avversari principali del robot: la regina Himika (basata sulla figura storica Himiko) e il popolo Yamatai (basato su un regno dallo stesso nome). Anche se altri anime mecha fanno appoggio sul folklore giapponese, nessun altro ne utilizza tanti elementi e con riferimenti tanto precisi. Sarà forse questo il segreto del successo di Jeeg robot?

6. Mazinger Z


mazinger Photo by Unknown / reno gazette journal

Un'altra serie di tipo Mecha, Mazinga arriva in Italia nel 1980 e si può considerare sicuramente un caso particolare di trasposizione italiana. Mazinga Z, infatti, è la serie originale da cui scaturisce il prossimo e ultimo titolo nella nostra lista:

7. UFO Robot Goldrake


ufo-robot Photo by Unknown / OrgoglioGeek

UFO Robot precede Mazinga nell'arrivo in Italia. Goldrake è infatti uno spin-off di Mazinga, ma grazie a cambiamenti di traduzione e di storia nella trasposizione italiana, le due non sembrano avere più un collegamento. Goldrake viene trasmesso in Italia per la prima volta nel 1978, due anni prima di Mazinga e persino uno prima di Jeeg, e sarà proprio il suo successo ad incoraggiare il seguente arrivo di Mazinga.

Come abbiamo già detto, ci saranno numerosi cambiamenti che renderanno indipendenti le due serie, ma questi non scoraggeranno comunque il successo di nessuna delle due.

UFO Robot Goldrake, oltre a riscontrare un enorme successo di pubblico, avrà la particolarità di portare ad un inaspettato successo le sue sigle che, come singoli musicali, faranno incassi incredibili finanche ad entrare nella classifica dei singoli più venduti del 1978. Sicuramente un caso unico nel suo genere!



Ancora una volta, siete d'accordo con questa lista? Quali serie abbiamo dimenticato o tralasciato? E non dimenticate di rimanere sintonizzati per la prossima parte della lista!


Immagine di copertina by Star Comics / Esquire