/ Lamatrash

6 epiche figure di merda in tv

Pronti a imbarazzarvi?

1. Mike Bongiorno e il suo savoir faire


Tutti quanti ricordiamo il buon Mike come la faccia tosta più eclatante della tv italiana. Poco sapeva di quanto avrebbe lasciato ai posteri durante la sua carriera: battute fuori luogo, uscite evitabili, e anche una meravigliosa mancanza di tatto e pazienza. Insomma, un uomo da amare.

Ma tra un signora Longari e un auto rispondersi a domande dirette ai concorrenti, ricordiamo un episodio incancellabile.

Era il 3 maggio 1990, puntatone di Telemike che sicuramente tutti aspettavano come oggi l'arrivo del Black Friday. Classico quiz con montepremi da capogiro, due concorrenti rimasti; la signora Livoli però, all'inizio delle domande, guarda in basso e sembra armeggiare con qualcosa sotto al banco. Roba che io, a confronto, con i miei tatuaggi al Trattopen di formule algebriche sulle caviglie, quasi risulto un genio del male.

Lo scaltro Mike però ci mette ben poco a capire che qualcosa non va, e intima alla valletta di andare a controllare; venuto allo scoperto l'imbroglio, Mike sbrocca peggio di Antonella Elia nei suoi momenti migliori, e con charme ne dice di tutti i colori e annulla il gioco. Non contenta, la signora finge uno svenimento portando i livelli di imbarazzo a +1000, Mike non si scompone affermando che non vuole commentare per non risultare un villano.

Insomma, cosa ne sa Amadeus...

2. Emilio Fede e la sua pacatezza


Chi lo ama o chi lo odia, o semplicemente chi fa finta non sia mai stato parte del team di un telegiornale. Qualunque sia il vostro pensiero, Emilio Fede rimane una pietra miliare in trash e figure di dubbio gusto.

Leggendarie le sue sfuriate fuori onda al tg, i suoi monologhi politicamente al di sopra, i suoi commenti da salotto nel bel mezzo di una diretta. Impossibile scegliere la migliore delle scene, ma negli annali rimane il suo scontro con il disturbatore Paolini durante un servizio di un suo collaboratore.

Parte il servizio, l'inviato con faccia spaesata inizia a parlare agli amici spettatori ma Paolini spunta dal fondo insistendo a volerci dare un gran bel momento di televisione: l'inviato gli intima di allontanarsi mentre Fede, con la sua professionalità innata, perde le staffe dandogli dell'imbecille, e suggerisce quindi di pestarlo come un sacco da boxe. L'inviato replica che no, non si può prenderlo a pattoni, perchè si rischia la denuncia (mica perchè pestare la gente non è un comportamento normale). Al che, Paolini irrompe gridando sei un cornuto", prende possesso della scena e Fede perde tutti i capelli e strilla al povero inviato di "ma togligli il microfono, ma cosa fai, io non ho parole". Solo un ordinario servizio di notizie.

3. Eric Hartman e l'enciclopedia della figura di merda


Sempre attuale, l'abc dell'imbarazzo, non stanca mai.

Il signor Hartman era negli anni 80-90 il guru dei talk show olandesi. Una sorta di Barbara D'Urso dagli albori, una demo dell'odierno Forum; servizi di gente a cui capitano mille sfighe dalla dubbia verità, tragedie ad hoc, voce spezzata dall'emozione.

Ebbene il nostro amico Eric non sapeva che quella sarebbe stata la sua ultima volta in tv, ma noi lo ringraziamo infinitamente per averci donato questo momento di puro sotterramento personale.

Ospiti della puntata una signora sulla sedia a rotelle e un uomo che aveva subito un'operazione alle corde vocali. Eric rivolge una domanda al triste signore, che inizia a parlare con una vocina acuta inaspettata, data proprio dalla sua condizione medica. Nonostante la serietà degli argomenti trattati, Eric non ce la fa, ed inizia a ridere sotto i baffi mentre si scusa profusamente. Come ben sappiamo, una volta che ti parte la risatina E' FINITA.

Eric non si controlla più, di fronte ai suoi interdetti e offesi ospiti che cominciano ad accigliarsi, ma lui ormai è andato, lacrime dal ridere, alla visione della scena vorremmo sparire tutti quanti.

Lui è stato radiato dalla tv, ma è stato consacrato come una sorta di mito che non morirà mai.

4. Flavio Insinna e la gentilezza nei confronti degli altri


Conduttore di "Affari tuoi" e famoso personaggio televisivo italiano, conosciuto per il suo humour e la sua ospitata dalla nostra best friend Maria de Filippi, nella quale parlava di voler vivere in un mondo gentile.

Il nostro Flavione è stato però terribilmente beccato in un fuori onda del suo famosissimo programma dei pacchi, proprio mentre la sua pazienza si riduceva a brandelli. Nella clip audio che è emersa, si sente lui nel suo romano più caratteristico che sbraita ai suoi collaboratori nel programma sulla loro inabilità a trovare dei concorrenti giusti per catturare l'interesse del pubblico.

Dopo essersi lamentato di non avere potere decisionale nella scelta dei partecipanti al programma, si lancia ad insultare una signora che aveva partecipato alla puntata, dandole della nana di merda che sbiascica con le mani davanti alla bocca; secondo lui infatti, servono persona divertenti e carismatiche, e non gente che dorme in piedi.

Inutile dirlo, la classe e la gentilezza non sono di casa in questo episodio, ma la risata parte autonomamente. Insinna si è poi dovuto scusare pubblicamente per questa magra figura, ma noi siamo qui per non dimenticare la sua epicità.

5. Uno Mattina e i maghi in pensione


Il programma di Uno Mattina è da sempre un forno di brutte figure: basti pensare a Luca Giurato e le sue indimenticabili gaffe (grande piacere ospite di avere ospite, chiedo a Giorgo l'argomento del giorgio, presento il mio caro collega e amico di un'amica, il casco degli automobilisti) e già si può avere una preparazione allo scenario tipo.

In questa puntata di Uno Mattina, ospite un bravissimo mago che dovrà chiudere la puntata con i suoi frizzantissimi numeri. Il mago in questione è stato evidentemente acchiappato tra i passanti 5 minuti prima, perchè non ha la più pallida idea di cosa fare. Entra in scena facendo finta di acchiappare lucciole immaginarie, e procede in un gioco sicuramente mai visto prima basato sul far scegliere una carta a un malcapitato e indovinare quale sia senza guardare.

Il povero collaboratore sceglie la carta, la rimette nel mazzo e il mago procede a tirare fuori dalla tasca quella sbagliata. L'imbarazzo cala, risate forzate mentre i conduttori riflettono se stare al gioco e fingere che sia tutto calcolato o smarronarlo in diretta nazionale. Optano poi per sorridere e dire la verità: il mago affanna nelle sue tasche alla ricerca di un'altra carta che sbaglia nuovamente, il panico aumenta e tira fuori sempre più carte cercando di azzeccarla a caso.

6. Amadeus e il tormentone degli anni 2000


Un iconico tormentone, una risposta sulla bocca di tutti.

E' il 2012, e il nostro osannato Amadeus si trova al timone de "L'Eredità", un programma quiz trasmesso verso l'ora di cena tutte le sere. Così come tanti altri programmi sul genere, è spensierato, divertente, leggero.

Tutto cambia durante la storica puntata dove appare il migliore concorrente mai visto, Pedro. Il nome e la sua apparenza già fanno presagire un gustoso svolgimento; lui sembra un John Travolta dei poveri, non si sa bene perchè ha partecipato - probabilmente la solita storia la nonna mi ha inscritto a sorpresa, perchè voglia di stare lì ne ha molto poca.

Arriva la sfida finale con la seconda concorrente, Amadeus con voce da suspance inizia con le domande, ma Pedro non ha idea di cosa si stia parlando e lancia risposte a caso, "sorreta", "passaparola". Amadeus, visibilmente seccato, gli intima di smetterla perchè ci sono persone che farebbero carte false per essere al posto suo; Pedro replica che non vede l'ora di andare a casa per mangiare la sua pasta e fagioli (una leggenda).

Al che gli viene chiesto che cos'è il polivinilcloruro, e lui risponde "per me è la cipolla". Amadeus stoppa il tempo, lo caccia fuori, a Pedro non solo non gliene frega una mazza, ma è fiero di sé per non essere piegato ai malvagi meccanismi dei media.

Da allora, quando non si sa una risposta, è comune rispondere che secondo te si tratta di cipolla. Nonostante la scena imbarazzante da vedere, questo momento ha lasciato una vera eredità nel vero senso della parola.

Questi momenti non sono bastati a soddisfare la vostra voglia di godere dell'imbarazzo altrui? Niente paura, verrete deliziati con una seconda parte presto o tardi... la tv non ci delude mai.

Valeria de Croc

Valeria de Croc

Sono cinica e amo il trash. Adoro i nonni a passeggio con il gelato e i cani anziani e dispotici. In cerca di una gioia.

Leggi Altri