/ Lamadotto

6 curiosità sui giochi di società

Quale gioco ha vinto il premio MENSA?

1. Risiko!


1024px-Risk_game_map_fixed Photo by Orthuberra / Wikicommons

Inventato nel 1957 da Albert Lamorisse, famoso filmografo francese, il nome originale era La Conquête du Monde. Nel 1959 la Parker Brothers produce il gioco per il grande pubblico, modificando leggermente le regole dall'originale.
Risko! è un misto di diplomazia, strategia, guerra totale e fortuna. Tantissime versioni (ufficiali e non) sono uscite, dalla quella napoleonica a quella di Guerre Stellari. Curiosità: nella cartina mancano due grandi aree, la Nuova Zelanda e l'Antartide.

2. Taboo


Taboo_02 Photo by FH / Wikicommons

Creato nel 1989, nel 1990 finisce nella lista Mensa Select, una serie di giochi selezionati dalla divisione americana della MENSA per stimolare l'intelletto. Una versione di Taboo veniva già giocata in epoca vittoriana: al posto di una parola proibita c'era una lettera e bisognava rispondere a delle domande omettendola.

3. Monopoly


4040184142_0c4cfe46b4_b
Photo by Rich Brooks / Flickr

Uno dei giochi più popolari al mondo ma con una storia che non tutti sanno: a inventare Monopoly è stata una donna, nel 1903, e si chiamava The Landlord's Game (il gioco del proprietario). Lizzie Magie aveva creato il gioco per sottolineare gli aspetti negativi del capitalismo e si poteva giocare con due varianti: quella non-monopolistica, dove tutti condividevano le proprietà e quella invece che è arrivata fino a noi, dove si creano 'ricchezze'.

Ironicamente, quello che successe a Lizzie fu proprio quello che lei cercava di denunciare: un magnate americano, Charles Darrow, rubò la sua idea e divenne la prima persona a fare fortuna con un gioco da tavola. Il libro The Monopolists: Obsession, Fury, and the Scandal Behind the World’s Favorite Board Game di Mary Pilon parla proprio di questa storia.

4. Indovina chi?


4466733616_4578735d45_b Photo by Bethany Khan / Flickr

Creato nel 1979, questo gioco di società è più controverso di quanto uno possa pensare. Quando è uscito c'era solamente una persona nera, Anne, poi diventata bianca qualche anno dopo. La Hasbro ha poi incluso personaggi di etnie diverse ma recentemente è stata di nuovo sotto attacco, questa volta da parte di una bambina irlandese di sei anni che ha scritto alla compagnia domandando perchè nel gioco sono presenti 19 maschi e solo 5 femmine.

5. Il gioco dell'oca


1024px-Joc_de_la_Oca_-Gabriel_Guasp-_Palma_de_Mallorca Photo by Unknown / Wikicommons

Originario del XVI secolo e considerato il prototipo di tutti i giochi da tavola dei giorni nostri: addirittura Francesco de Medici ne regalò una copia a Filippo II di Spagna, nel 1580. Forse però, è ancora più antico: in un libro di sermoni scritto da Gabriele di Barletta, frate domenicano, vi è una critica del gioco risalente al 1480. Originato sicuramente in Italia, l'oca dovrebbe simboleggiare l'abbondanza.

6. Scale e Serpenti


Leiterspiel01 Photo by Kryp / Wikicommons

Ideato in India in tempi antichi, il gioco rifletteva la filosofia Jain con i concetti di Karma e Kama. Portato in Inghilterra dai coloni nel 1892, fu adattato per un pubblico vittoriano. Nella versione indiana, le scale rappresentano le buone azioni mentre i serpenti invece le brutte decisioni. Profondo.

E voi? Conoscete curiosità e storie dietro ai giochi di società? Fatecelo sapere qui nei commenti!

Rebecca P Senior

Rebecca P Senior

Intellettualoide, passo la vita a domandarmi 'perché'. Spesso ho gli occhi dietro ad una macchina fotografica o la testa tra i libri. Mi lamento spesso. Scrivo sempre. Suono.

Leggi Altri